Chiude storico locale di live music a Napoli: il GoodFellas del Vomero

good-fellas
Maurizio Guariniello

Cede il passo uno degli ultimi luoghi di Napoli per la musica dal vivo, il GoodFellas.

 

In un lungo post su facebook, Roberto Gallino, fondatore del pub che era un punto di riferimento della movida napoletana al Vomero, ha argomentato l’accaduto.

 

Esordisce così: “Io sono Bob Gallino, fondatore del GoodFellas che dal 2008 è stato l’ultimo baluardo della musica live; musica di quella suonata con batteria e chitarra elettrica, di quel genere che visse bene negli anni ’80 e alla fine degli anni ’90 andò a scemare. Il GoodFellas, nel cuore del Vomero, ha attirato a sé per 12 anni due generazioni di ragazzi per il semplice gusto di aggregarsi e di andare a sentire quel solista, piuttosto che quell’altra band, o per la scusa del panino o della birra.”

 

E poi prosegue: “Io sono Bob Gallino e la pandemia, un governo impreparato, un comune assente, un proprietario senza scrupoli, una Giuria poco attenta hanno fatto sì che il GoodFellas interrompesse la sua attività, che non sia più cultura, suoni, vita. Oggi non lo accetto e non ho ancora metabolizzato il lutto. Forse oggi cammino con lo sguardo calante e con la tristezza nel cuore...”

 

Tanti artisti si sono succeduti su questo palco, da Raiz a Piero Pelu, passando per Dennis Chambers e Stef Burns. Per non menzionare le band emergenti, che hanno calcato il palco del locale per concerti fino a notte fonda.

 

Ad accompagnare il post su facebook, una foto molto significativa che vi riproponiamo in copertina, dove su una parete leggiamo “GoodFellas was here“.

Una semplice proposizione a raccontare della chiusura di questo melting pot della musica live napoletana.

 

Tanti i segnali di solidarietà pervenuti, a confermare la popolarità e l’amore che molti avevano verso questo punto di ritrovo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu