Carciofi dorati e fritti: la ricetta del gustoso piatto napoletano

Ricette
Articolo di , 27 Gen 2021

 

La cucina napoletana è vastissima. Al suo interno si trovano infatti sezioni di ogni tipo. E l’abitante medio della Campania ha un legame con la preparazione delle pietanze davvero considerevole. Il rapporto è pressappoco sacralizzato e conoscere le tipiche pietanze partenopee è quasi legge.

La tradizione

La tradizionale cucina napoletana sa accontentare ogni gusto. Soddisfa palati raffinati, individui rustici, voglie sofisticate e bramosie casarecce. Lo street food e Napoli hanno un legame inscindibile e i cittadini adorano apetizer veloci e cibi fritti nati dalle mani dell’amore. Una metodologia di cottura della zona, indorare e friggere, infatti è precisamente inquadrabile nel tipico cibo da gustare velocemente per strada. Il napoletano dora e frigge l’impensabile. Indorato e fritto è uno stile di vita della zona.

La ricetta

I carciofi rientrano tra gli infiniti elementi dorati, fritti e consumati nell’immediato. Li segue a ruota, tra i tanti, la ricotta fritta. I carciofi sono davvero versatili e in Italia si preparano in innumerevoli modi. Si prestano perfettamente come antipasti in varie preparazioni e dorati e fritti danno davvero il meglio di sé.

Ingredienti

  • carciofi
  • 2 uova
  • 2 cucchiai di Parmigiano Reggiano grattugiato
  • Sale quanto basta
  • Pepe quanto basta
  • Farina quanto basta
  • Olio di semi di arachidi quanto basta

Procedimento

Come prima cosa vanno lavati approfonditamente i carciofi. In seguito è necessario pulirli eliminando ogni foglia esterna più dura assieme alle cime, assicurandosi di tagliare il gambo e di eliminarne la parte più esterna e amara. Ciò che serve sono quindi i cuori, da tagliare a fettine.

Si passa alle uova, da sbattere assieme al formaggio grattato, a un pizzico di sale e a uno di pepe. Al contempo è bene preparare della farina in un piattino.

A questo punto i carciofi passano nell’uovo battuto e in seguito nella farina, che deve aderire per bene da entrambi i lati.

Nel frattempo si scalda dell’olio in una padella capiente e si prepara un piatto rivestito di carta assorbente. Quando l’olio ha raggiunto un buon grado di calore, constatabile con un po’ di farina versata all’interno della padella, si immergono poche fettine di carciofo per volta, avendo cura che dorino da entrambi i lati. A cottura ultimata vanno passate sulla carta assorbente per permettere loro di rilasciare l’olio di frittura in accesso.

Il contorno è quindi pronto da servire in un piatto da portata, ultimato con sale e pepe versati sulla sommità.

 

Immagine di copertina: cucinageek.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti consigliamo anche

Links utili

Visitare Napoli in 3 giorni

Tre giorni a Napoli consentono di visitarne i monumenti principali e di assaporare una...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...