Capri dice si al project financing per la storica Via Krupp

Paola Palmieri
Capri dice si al project financing per la storica Via Krupp
Vota questo articolo

Via Krupp la storica stradina di Capri che collega i Giardini di Augusto con Marina Piccola, voluta dall’industriale tedesco, Friedrich Alfred Krupp, potrebbe finire nelle mani di una socità.

Via Krupp la storica stradina di Capri che collega i Giardini di Augusto con Marina Piccola, voluta dall’industriale tedesco, Friedrich Alfred Krupp, potrebbe finire nelle mani di una socità. Infatti, il consiglio comunale di Capri ha detto si al project financing della società Gheller, società specializzata nel consolidamento di costoni rocciosi, che dovrà svolgere i lavori di messa in sicurezza della famosa via.

Intanto il Comune ha approvato la registrazione del marchio “Via Krupp – Capri”, ma ha rifiutato il servizio di trasporto con carrellini elettrici ai pontili stagionali. E’ ancora incerta la questione che riguarda il ticket d’ingresso, ma si parla di una cifra compresa tra i due e tre euro.

Nabil Pulita, segretario di Legambiente Capri e del direttivo regionale dell’associazione dichiara: “Abbiamo più volte ribadito il nostro ‘no’ alla privatizzazione di via Krupp, che a nostro avvisto deve essere ritenuta bene dell’umanità ed annoverata tra i siti tutelati internazionalmente dall’ Unesco. Siamo fermamente convinti che questo bene che fa parte del patrimonio italiano, europeo e mondiale debba rimanere un bene pubblico ed aperto a tutti, fruibile dall’intera collettività, così come volle l’ideatore Alfred Krupp. Il nostro è un no chiaro alla privatizzazione del paesaggio”.

Antonino Esposito, Consigliere del Comune di Capri replica: Non si parli di privatizzazione, la delibera di oggi segna un altro passo in avanti per la riapertura della strada. E’ stato confermato ancora una volta che la strada rimarrà solo pedonale e che nessuna opera o attività commerciale con impatto nella zona potrà essere svolta. Continuiamo così un lavoro lungo ma che sta cominciando a produrre i primi frutti. Ci muoveremo con la massima celerità per ipotizzare una riapertura in tempi brevissimi, anche entro la stagione turistica del 2018”. (Fonte La Reppublica.it)



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu