Bike sharing, monopattini e piste ciclabili: così ci muoveremo in città

Valentina Cosentino

 

Al fine di evitare una esponenziale crescita del traffico causata dalla diminuzione del trasporto pubblico conseguente alle norme di distanza di sicurezza, la Giunta ha approvato una serie di misure e azioni a supporto della mobilità sostenibile.

 

Sono state individuate una serie di azioni e misure per assicurare il diritto dei cittadini alla salute, all’efficienza e alla mobilità, intervenendo sia sulla domanda di mobilità, sia sull’offerta di mobilità, diversificandola e incentivando valide alternative al mezzo privato motorizzato.

 

Riceviamo dal comune il comunicato stampa relativo alle attività che sono state varate.

 

Tra gli interventi che saranno adottati:

  • l’incentivazione dello smart working come strumento ordinario di lavoro, raccomandando, laddove non sia possibile lo smart working, la differenziazione degli orari di servizio giornaliero del personale in presenza, prevedendo un’articolazione scaglionata degli orari di ingresso/uscita, sempre al fine di evitare picchi di affollamento in determinate fasce orarie;
  • l’adeguamento del piano dei tempi della città, da realizzare in sinergia con le istituzioni e attori competenti; l’incentivazione del bike to work e del bike to school;
  • la manutenzione straordinaria della segnaletica dei percorsi ciclo-pedonali già istituiti;
  • il completamento e attivazione delle piste ciclabili previste nell’ambito degli interventi di riqualificazione; la realizzazione di zone 30 e di nuove bike lane;
  • un piano di parcheggio pubblico e privato agevolato per bike e veicoli elettrici

 

Per incentivare l’uso di mezzi elettrici  si promuove la realizzazione di una rete di ricarica diffusa ed efficiente e l’attivazione di servizi di mobilità in sharing, con dispositivi di micromobilità elettrica (monopattini) e di scooter elettrici, in aggiunta a quelli in bici, mediante la pubblicazione di avvisi pubblici per la presentazione di manifestazioni di interesse da parte di operatori pronti a svolgere tali attività in via sperimentale.

 

La delibera, inoltre, prende atto degli incentivi governativi mirati all’acquisto di ecobike, promossi dal Comune di Napoli in sede Anci insieme alle altre città Italiane al Governo.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu