La Basilica di San Pietro ad Aram e la storia dei primi cristiani a Napoli

Arte e Cultura
Articolo di , 11 Apr 2016

Situata presso la zona del Corso Umberto, alle spalle di Piazza Garibaldi, la basilica di San Pietro ad Aram custodisce al suo interno suggestive leggende che si tramandano nei secoli, una  delle quali si riferisce all’origine del suo nome. La chiesa infatti si narra, sia sorta sul luogo dove Pietro l’Apostolo, guarì e convertì Candida e Aspreno, due popolani  che furono i primi napoletani a convertirsi al Cristianesimo e che divennero a loro volta due Santi poiché dopo i miracoli ricevuti, dedicarono  tutta la loro vita alla religione.

Questa Basilica ha origini controverse, la facciata infatti rimanda allo stile del 1600 mentre al suo interno durante il corso del tempo durante alcuni restauri sono stati trovati affreschi dell’epoca paleocristiana, e anche scheletri dei sette santi napoletani tra cui proprio le spoglie di Candida e Aspreno, insomma cercare di datare l’origine di questa basilica risulta impresa decisamente ardua.

Storicamente questa chiesa quindi ha subito diverse trasformazioni e contaminazioni. E’ importante ricordare  inoltre che è scampata al risanamento avvenuto a Napoli nel 1800 che vide radere al suolo diversi edifici a causa di un  selvaggio piano urbanistico avviato per ripulire le zone colpite dal colera.

Il culto delle Pezzentelle

Uno degli aspetti più caratteristici di questa Basilica è riferito al culto delle Pezzentelle ovvero  al culto delle anime del Purgatorio. Secondo questo tipo di venerazione infatti tra vivi e morti ci sarebbe quasi un patto divino, uno scambio dove i morti chiederebbero ai vivi di intercedere per loro attraverso la recitazione di  preghiere in cambio essi offrirebbero dall’altro mondo protezione e talvolta anche diversi favori tra cui vincite al lotto. Il culto delle Pezzentelle è tutt’ora molto famoso e fa si che questa chiesa sia il punto di riferimento per molti devoti ma anche per molti speranzosi che sperano di vincere il superenalotto.

3 risposte a “La Basilica di San Pietro ad Aram e la storia dei primi cristiani a Napoli”

  1. Gian Franco Mascoli ha detto:

    Il culto delle Pezzentelle è un rito che si attaglia perfettamente allo spirito napoletano. Non conosco la Basilica di San Pietro ad Aram, andrò prossimamente a visitarla.

  2. Innocenzo ha detto:

    È un grave peccato che dietro ogni storia vera, cristiana, ci sia il tentativo di rendere tutto cosi superstizioso. È proprio del napoletano ma le attenzioni noi le dirottiamo sul mattarello anziché sulla storia dei due santi. In ogni fatto storico ci deve essere il non so che di superficiale e leggendario.

  3. Giuliano ha detto:

    il racconto più significativo su questa Basilica, da cui deriva il nome, è che è stata edificata sull’altare ligneo dove San Pietro celebrò la prima Messa per celebrare il miracolo della guarigione di Aspreno. Infatti Aram sta per Ara, Altare, facendo di questa Basilica, forse, la prima in Italia, in quanto San Pietro a Roma non era ancora arrivato.
    Fu proprio Candida a chiedere la intercessione di San Pietro per guarire il morente Aspreno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti consigliamo anche

Links utili

Visitare Napoli in 3 giorni

Tre giorni a Napoli consentono di visitarne i monumenti principali e di assaporare una...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...