Bandiere blu in Campania: ecco le spiagge premiate

Bandiere blu in Campania: ecco le spiagge premiate
3 (60%) 2 votes

Le bandiere blu sono i riconoscimenti che annualmente sono conferiti dalla FEE –Italia ovvero “ Foundation for Environmental Education” alle migliori località marittime.

Con l’arrivo della bella stagione è importante conoscere la salute dei nostri mari e delle nostre spiagge. Anche quest’anno sono state conferite le bandiere blu, quei riconoscimenti conferiti dalla FEE –Italia ovvero “ Foundation for Environmental Education” che segnala le migliori località marittime.

Questo riconoscimento internazionale è stato istituito nel 1987 nell’anno europeo dell’Ambiente e che viene assegnato ogni anno in 73 paesi, inizialmente solo europei, più recentemente anche in quelli  extra-europei. Esso prevede l’assegnazione di tale bandiera alle località balneari che  rispettano criteri relativi alla gestione sostenibile del territorio.

Vediamo di seguito alcuni dei posti insigniti di questo ambito titolo e quindi dove è possibile recarsi in Campania  per fare il primo bagno della stagione e non solo.

Se fossimo alla serata degli oscar e dovessimo conferire l’ambito premio, in questo caso nn una statuetta d’oro, ma una bandiera blu potremmo dire la classica formula the winner is: Cilento. Il Cilento e la Costiera Cilentana infatti si confermano come le zone con il mare più bello dell’estate 2016, che aiutano la Campania ad essere la terza regione con il mare più pulito d’Italia dopo la Sardegna e la Puglia. Seguono i comuni di Salerno nella zona più a sud con le località di Capaccio-Paestum, Sapri, Centola Palinuro, Ascea, Casal Velino, Praiano, Pisciotta, San Giovanni –Piro etc…

Se ci spostiamo invece nella zona di Napoli a sorpresa troviamo la zona del Lungomare Caracciolo, Posillipo, Marechiaro e Gaiola che entrano a far parte tra le zone che meritano questo  importante riconoscimento, mentre Capri, Ischia e Procida mantengono ancora il loro primato delle acque più pulite d’Italia.

La zona flegrea di Baia, Bacoli, e Torregaveta, risulta eccellente eccetto le zone del porto, da Lucrino sino all’aerea industriale è tutta  zona balneabile.

Per il territorio Casertano invece possiamo citare con orgoglio Baia Domizia e Mondragone che finalmente escono dal loro isolazionismo e riacquistano anche se con non poca fatica un posto d’eccellenza.

Divieto di balneazione

Purtroppo il nostro territorio, ha mille sfaccettature  e tante contraddizioni, per  molte bandiere che si issano, ci sono altrettanti territori  dove di bandiere blu da sventolare non se ne parla proprio.

I territori che ahimè meritano il cosiddetto pollice verso, e  di conseguenza il divieto di balneazione, sono  tutte quelle zone che dopo diverse analisi, svolte da enti preposti,  sono risultate non idonee. Di seguito ne segnaliamo qualcuna che potrà orientarvi in questo senso.

La zona di Bagnoli, adiacente città della Scienza, zona Pozzuoli via Squalo, litorale Ercolano, Torre Annunziata e Castellamare di Stabia.

Con la speranza che i risultati possano cambiare e per l’anno prossimo  portare anche questi ultimi litorali allo splendore di un tempo, vi auguriamo una felice estate nelle nostre meravigliose acque campane.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu