Due stazioni della Metro di Napoli stanno per cambiare nome!

Napoletanità
Articolo di , 01 Mar 2017

Il consiglio Comunale di Napoli ha deciso di attribuire un nuovo nome a ben due stazioni della linea 1 della Metropolitana. Le stazioni interessate sono quelle di Municipio e Piscinola. Il perché di questa decisione unanime è senz’altro attribuibile alla volontà di creare un ponte tra la cosiddetta Architecture underground e le svariate forme d’arte disseminate sul territorio napoletano.  Non a caso i progetti per le nuove stazioni, realizzati da grandi architetti, in alcuni casi si sono plasmati in corso d’opera. Causa,  il ritrovamento di numerosi reperti archeologici che hanno rallentato i lavori ma, al contempo, conferito una connotazione storico- artistica alla progettazione delle fermate. In altri casi, invece,  si è pensato di introdurre l’arte nelle stazioni metropolitane per sottolinearne il valore sociale.

 

L’Antico nella stazione di Municipio- Porto di Napoli 

La stazione di Municipio, progettata dagli architetti Alvaro Siza ed Eduardo Souto da Moura, tramuterà il suo nome in Municipio- Porto di Napoli. Durante i lavori sono state rinvenute 5 navi di epoca romana e i resti di una Napoli di età angioina ovvero i torrioni del Molo e dell’Incoronata, parti del sistema di difesa esterna al castello. Piazza Municipio ha restituito l’antico porto di Neapolis e molte delle strutture ritrovate diventeranno parte integrante della stazione. Sarà prevista un’ area museale con installazioni permanenti ed anche la piazza cambierà aspetto con la costruzione di un passaggio di collegamento tra la parte monumentale della città e il porto.

Il Contemporaneo nella stazione di Piscinola- Scampia

La stazione di Piscinola, uno dei due capolinea della linea 1, serve i quartieri di Piscinola e Scampia e dal 2013 ospita alcune opere dell’artista napoletano Felice Pignataro. Proprio a Scampia nasce l’associazione culturale Gridas fondata da Pignataro con lo scopo di dare visibilità alle battaglie sociali sul territorio del napoletano. Uno scopo sociale che impatta su Scampia ma non solo e lo fa attraverso i murales realizzati dal Pignataro e dai membri dell’associazione. Da qui l’idea del nuovo nome dato alla fermata che si chiamerà Piscinola- Scampia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti consigliamo anche

Links utili

Visitare Napoli in 3 giorni

Tre giorni a Napoli consentono di visitarne i monumenti principali e di assaporare una...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...