Archeologia in città: scoperto il battistero più antico di Napoli

Valentina Cosentino
Archeologia in città: scoperto il battistero più antico di Napoli
Vota questo articolo

 

La notizia in anteprima è stata diffusa dal Corriere del Mezzogiorno, nel corso dei lavori del nel Palazzo arcivescovile di Napoli, con precisione nel quadri portico paleocristiano, sarebbe stata scoperta un’antichissima vasca lustrale utilizzata con ogni probabilità come fonte battesimale.

 

La vasca risale al III- IV sec. d.C.,  più antica dunque del fonte battesimale di Santa Restituta. Lo scavo è stato effettuato nell’ambito dei lavori di restauro  proprio del Quadriportico, ingresso dell’antica cattedrale paleocristiana. La scoperta dal punto di vista storico – archeologico è importantissima perché va a riscrivere un pezzo interessantissimo della storia della città e va anche ad accrescere l’interesse del percorso turistico dell’area del Duomo.

 

Ma non è questo l’unica meraviglia del Quadriportico, qui infatti si trova il grande Calendario Marmoreo, rinvenuto nel 1742,  del IX sec. d. C. che indica la data di sepoltura di ventitré vescovi di Napoli, tra cui alcuni santi.

Fonte e fotografie: Corriere del Mezzogiorno



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu