ANM: salva azienda dei trasporti di Napoli, si apre una nuova era

Valentina Cosentino
Vota questo articolo

Buone notizia per i Napoletani ed il trasporto pubblico. Ieri il Tribunale di Napoli ha dato il via al concordato preventivo che evita il fallimento dell’azienda.

 

Ne ha dato notizia il sindaco Luigi de Magistris: “È davvero una notizia lieta per Napoli. Siamo molto soddisfatti per come il Tribunale di Napoli ha trattato questa vicenda così delicata. È un risultato frutto di un grande lavoro di squadra grazie al quale siamo riusciti a passare in appena sei mesi dal quasi certo e conclamato fallimento di Anm alla salvezza dell’azienda“…  “ora Anm deve dimostrare di non essere solo un’azienda salvata che garantisce posti di lavoro ma anche un’azienda che deve garantire migliore qualità dei servizi. Certo  questo non può avvenire dall’oggi al domani ma già dalla fine di quest’anno noi ci attendiamo uno scatto di orgoglio e di forza da parte dell’azienda che abbiamo salvato e mantenuto in mano pubblica quando non ci credeva più nessuno”.

 

Stessa soddisfazione per il vice-sindaco ed assessore al Bilancio Enrico Panini: “C’è grande soddisfazione per la notizia tanto attesa dell’ammissione di Anm al concordato preventivo da parte del Tribunale di Napoli. Un risultato eccezionale non solo per l’azienda, ma anche per tutte le donne e gli uomini che vivono la nostra città, frutto di un intenso lavoro di squadra che ha visto in campo Anm, Napoli Holding, il Comune di Napoli e la società Ernst & Young. Con oggi abbiamo salvato un’azienda che, con tutte le nostre forze, abbiamo voluto mantenere pubblica e salvato tutti i suoi posti di lavoro. Da domani si ricomincia a puntare l’attenzione sul potenziamento della qualità dei suoi servizi, con l’impegno di portare il prima possibile il trasporto pubblico napoletano all’altezza delle più grandi città europee“.

 

La notizia infonde maggiore fiducia anche nei lavoratori dell’azienda che potrebbero anche trovare nuovi accordi su orari e prolungamenti serali dei servizi.

Per domani, 14 dicembre, tuttavia, è programmato un nuovo sciopero non ancora revocato.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu