A’ Risa: canzone napoletana, la prima in Italia incisa su un disco.

a-risa-prima-canzone-napoletana-incisa-su-disco

Siamo nel lontano 1895 e il primo disco in assoluto inciso in Italia contiene una canzone napoletana “ A’ Risa”. Un’idea del cantautore Berardo Cantalamessa (o Bernardo) che ascoltando, per caso, un’incisione su rullo di un cantante afroamericano proveniente dagli Stati Uniti, si entusiasmò a tal punto da incidere su vinile la canzone “ A’Risa” (la Risata) che divenne il suo più grande successo. Oltre che per la tecnica vocale e il fischio, Cantalamessa era famoso per la sua originale risata che riporta, ovviamente, nell’allegra canzone. Il personaggio della storia proprio non può far a meno di ridere e recita: “Mme pare che redenno, ogne turmiento passa…nce se recréa e spassa…. Cchiù allero se po’ stà” (mi sembra che ridendo ogni tormento passi, ci si diverte e si sta più allegri). E come dargli torto?

A’ Risa resta una pietra miliare nella storia della canzone napoletana ed italiana. Fu, infatti, interpretata da tanti artisti napoletani tra cui Aurelio Fierro.

Testo

Io tengo, ‘a che só’ nato,
nu vizio gruosso assaje…
nun ll’aggio perzo maje…
va’ trova lu ppecché!
Mm’è sempe piaciuto
di stare in allegria
io, la malinconia,
nun saccio che rrobb’è!

De tutto rido…e che nce pòzzo fá!?
Ah – ah – ah – ah…..
Nun mme ne ‘mporta si stóngo a sbaglià…
Ah – ah – ah – ah….

Io rido si uno chiagne,
si stóngo disperato,
si nun aggio magnato,
rido senza penzá…
Mme pare che redenno,
ogne turmiento passa…
nce se recréa e spassa…
cchiù allero se pò stá…

Sarrá difetto gruosso chistu ccá…
Ah – ah – ah – ah…
Ma ‘o tengo e nun mm”o pòzzo cchiù levá…
Ah – ah – ah – ah…

Lu nonno mio diceva
ca tutte li ffacenne
faceva isso redenno…
E accussí i’ voglio fá…
Chist’è ‘o difetto mio,
vuje giá mo lu ssapite…
‘nzieme cu me redite
ca bene ve farrá!

Redite e ghiammo ja’:
Ah – ah – ah – ah
Ca bene ve farrá:
Ah – ah – ah – ah
Ah – ah – ah – ah

Traduzione

Ho, da quando sono nato,
un vizio molto grande.
non l’ho perso mai,
vai a trovare il perché.
Mi è sempre piaciuto
di stare in allegria.
Io, la malinconia,
non so che cos’è.

Di tutto rido, e che ci posso fare?
Ah – ah – ah – ah.
Non m’importa se sto sbagliando.
Ah – ah – ah – ah.

Io rido se uno piange,
se sono disperato,
se non ho mangiato,
rido senza pensare.
Mi sembra che ridendo,
ogni tormento passi.
Ci si rallegra e diverte,
più allegro si può stare.

Sarà un difetto grosso questo qua.
Ah – ah – ah – ah.
Ma ce l’ho e non me lo posso più togliere.
Ah – ah – ah – ah.

Il nonno diceva
che tutte le cose
lui le faceva ridendo.
E così io voglio fare.
Questo è il mio difetto,
voi già lo sapete,
con me ridete

Ridete e andiamo, forza.
Ah – ah – ah – ah.
Che bene vi farà.
Ah – ah – ah – ah.
che bene vi farà.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu