A Napoli al via il servizio di taxi collettivo

Valentina Cosentino

Partirà in via sperimentale sabato 27 Aprile il servizio di taxi collettivo  a Napoli.

Il nuovo servizio sarà sperimentato su una tratta dedicata essenzialmente ai tanti turisti in arrivo o in partenza, infatti interesserà il collegamento aeroporto di Capodichino – Stazione Centrale – Molo Beverello e viceversa.

 

Tre hub cittadini: l’aeroporto di Capodichino, la Stazione Centrale e la Stazione Marittima/Molo Beverello dove presteranno servizio i taxi. Il costo per ogni passeggero è di 6 euro bagagli compresi. Il tassametro non sarà avviato ma sarà applicata la tariffa di 6 euro anche se dovessero effettuare fermate intermedie tra i tre hub.  Prima della partenza sarà rilasciata regolare ricevuta ai passeggeri e il servizio partirà dopo 15 minuti al massimo dall’arrivo dei primi 3 passeggeri.

 

Le vetture che effettueranno il  nuovo servizio esporranno sul parabrezza anteriore una tabella con su scritto Taxi Collettivo con il logo del Comune di Napoli, l’indicazione del percorso e l’importo della tariffa a persona.

 

Il servizio attua la delibera della giunta comunale n.634 del 20.12.2018 dell’assessore alle Infrastrutture e al Trasporto, Mario Calabrese.

 



Comments to A Napoli al via il servizio di taxi collettivo

  • Sono abbonata al trasporto pubblico e, nonostante invalida al 100% non godo di alcuna agevolazione sulla tessera annuale che puntualmente rinnovo . La mia pensione supera di pochissimo il minimo consentito che potrebbe ridurmi l’importo richiesto .
    I percorsi cittadini sui mezzi a disposizione dei contribuenti, non rispettano regole e/o condizioni decenti di viaggio… spesso sono costretta in piedi, in condizioni di miserabile igiene interna ed esterna ai veicoli che, rimangono palesemente inadeguati come quantità e qualità del servizio .
    I percorsi non sempre prevedono circolarità delle linee , se attendo alle fermate al freddo ( o al caldo torrido ) non posso salire indifferentemente all’andata o al ritorno delle stesse, poi che attraversare e difficoltoso e a volte i cartelli hanno distanza o collocazione molto differenti .
    Sarebbe logico orientare meglio i percorsi e gli orari, in modo da garantire frequenza pari a tutte le tratte e percorsi paralleli da poter comunque salire su ogni numero all’andata o al ritorno di linea, consentendo a chi non ha particolare fretta, di poter usufruire del servizio senza eccessive e snervanti attese .
    Le panchine esigue di numero e poste a volte nascoste ai conducenti, andrebbero incrementate , come i controlli fiscali che, rimangono solo un’ ipotesi !
    ” I tassisti napoletani, sempre reperibili quando non ce ne bisogno, numerosi o in particolari condizioni totalmente assenti, non favorevoli al taxi collettivo per motivi di ingerenze municipali, rimangono estremo e costoso tentativo di fuga da questi costanti disservizi ! “

    Avatar PIERA 25 Aprile 2019 11:43 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu