Scommesse sportive e sponsor: le linee guida di un settore in espansione

Grande Napoli
Scommesse sportive e sponsor: le linee guida di un settore in espansione
5 (100%) 1 vote

In Italia le scommesse sportive sono diventate un argomento caldo, sia per quanto concerne il calcio, sia per quanto riguarda gli altri sport. In particolare i dati statistici per il periodo che va dal 2012 al 2015 ci mostrano come la curva di interesse sia dovuta in larga parte alla concentrazione di eventi sportivi di una certa portata. Se andiamo ad esaminare ad esempio l’inizio dei campionati di serie A e B, oppure il periodo che va a coprire importanti manifestazioni come gli ultimi europei di calcio o i Mondiali in Brasile, abbiamo un quadro esaustivo della situazione. I mondiali in Brasile del 2014, hanno rappresentato, al momento uno dei momenti più fertili sia per quanto riguarda le scommesse che le sponsorizzazioni a tema. Il calcio professionistico, che interessa serie A e le maggiori leghe internazionali, con paesi come Germania, Francia, Spagna e Inghilterra, puntano spesso su questi due settori contigui. Le scommesse, denominate anche betting, hanno attirato importanti aziende e marchi, che dopo un periodo di diffidenza e di demonizzazione, hanno colto la palla al balzo, comprendendo che si tratta di un settore cardine ed estremamente affine al gioco e al business. Marchi sportivi, tra i più conosciuti e celebrati hanno stretto legami e rapporti economici con bookmakers importanti e blasonati come William Hill, Betfair e tanti altri.  Nel corso degli ultimi anni infatti la media di sponsorizzazione per club sportivo è passata da 11 milioni di euro di media per club, del 2013 a 13 milioni e mezzo per il 2015. Le sponsorizzazioni ormai sono fondamentali e i settori come quello del trasporto aereo, dei giochi e ancora di più delle scommesse sportive valgono oltre il 60% rispetto a tutto il mercato in cui operano. Quando scopri il calcio scommesse di William Hill ti accorgi che il settore genera un volume d’affari che da solo regge tutto l’indotto sportivo, secondo l’analisi di StageUp -Sport&Leisure Business, si tratta della seconda fonte di introiti per un club sportivo, dopo i diritti televisivi che sono nella maggior parte dei casi la fonte primaria. I più attenti si erano già resi conto di come il calcio e tutti i principali sport, siano cambiati nel corso degli anni. Il mercato del gioco e delle scommesse, dopo un normale e naturale periodo di flessione, è tornato su livelli accettabili, per poi dare il via verso un rush di ripresa e di cambiamento. Per quanto riguarda i principali club di calcio in Italia, come ad esempio Juventus e Napoli, impegnati sul doppio fronte campionato-coppe europee, avere un accordo commerciale con un’azienda di questo tipo, rappresenta una sicura entrata a cui è davvero difficile rinunciare. Stiamo parlando di fare la differenza, in uno sport e un ambiente dove il livello di competitività è già piuttosto elevato. Una scommessa nella scommessa, e un gioco nel gioco, dunque…



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu