Tre piatti tipici dello street – food napoletano

Tre piatti tipici dello street – food napoletano
5 (100%) 1 vote

Street food letteralmente tradotto in “cibo di strada”, si riferisce ad una pratica del consumo di alimenti preparati lungo le vie di una città, dai sapori semplici e veloci , economici e informali.
Nonostante ” l’inglesizzazione” del nome, questa pratica ha origini soprattutto  nella tradizione partenopea settecentesca; basti pensare al forte consumo di pasta in strada che ci è valso lo stereotipo  di popolo di mangiamaccheroni  e che con non poca fatica ci siamo lasciati alle spalle.
Per avvicinarci un po’ più ai nostri tempi ,ma  volgendo uno sguardo sempre  al  passato, come dimenticare la Napoli  del dopoguerra descritta  in “L’oro di Napoli”  e dell’indimenticabile preparazione dell’ impasto delle pizze fatto  in strada da una procace Sofia Loren?
Insomma Napoli ha da sempre offerto un menù svariato ma allo stesso tempo  semplice da consumare preferibilmente all’ aria aperta, tra i suoi  vicoli e il lungomare. Un  consumo di prodotti tipici che rispecchiano la città e i suoi abitanti, che non solo per vivere s’arrangiano ma anche per mangiare s’arrangiano con poco.

Nonostante oggi siamo sommersi da nuovi sapori dall’ improponibile pronuncia (almeno che voi non abbiate conseguito un livello b2 d’inglese) french fries, hot dog, macarons, club sandwich, riempiono le nostre pause pranzo e spuntini vari.
Si perché mangiare per strada non è solo una questione di praticità ma anche di moda, se vogliamo, e quindi anche alcuni alimenti sono stati sostituiti perché, diciamoci la verità, sono considerati un po’ rozzi. I vecchi  cibi anche se non sono stati dimenticati perché hanno ancora il sapore della nostra infanzia e della  spensieratezza, spesso veramente si ordinano con difficoltà (a meno che non siate da soli o con persone che condividono i vostri stessi ricordi).
Immaginate un primo appuntamento con la ragazza dei vostri sogni che ordina il callo di trippa o come si chiama a Napoli o’ per e o’ muss…..siate sinceri come la guardereste  dopo un’ordinazione del genere??
Nonostante questo prodotto  sia così poco chic e non così in voga, nell’ alimentazione dei napoletani  resta comunque un prodotto gustoso, ma soprattutto un alimento che racchiude in sé un qualcosa di  folkloristico servito da venditori ambulanti in piatti o in un “cuoppi” di cartone, annaffiati con limone e da sale che fuoriesce da un corno di legno: a volte  la poesia può nascondersi anche tra le frattaglie di maiale.
Ma ritornando alla nostra ipotetica ragazza, se la sua precedente richiesta non vi ha spaventato allora non potete certo negarle un secondo appuntamento per offrirle a questo punto un menù cult della tradizione napoletana legata allo street food, ovvero taralli caldi e birra fredda sul lungomare. Solo un napoletano può capire la magia di questo connubio perfetto. Una scelta di tutto rispetto per chi vuole godersi uno dei panorami più belli del mondo.
Per finire, superati i primi due ostacoli, nulla potrà impedirvi a questo punto di  ordinare a rattatell’ (da non confondere con il gesto scaramantico decisamente poco elegante, ma molto efficace  in alcune situazioni); ovvero la granita offerta da improbabili venditori con carrettini che con i loro fischietti e slogan (degni di precise campagne marketing) attirano la folla con queste meravigliose bevande colorate soprattutto in spiaggia, dove il fischio evoca l’arrivo dell’estate. Ma stiamo attenti a riconoscerlo… se non siamo in spiaggia è più probabile che il fischio che sentiamo sia quello del vigile urbano alle nostre spalle e vi assicuro che quel fischio vi lascerà un sapore decisamente difficile da dimenticare.

di Angela Annibale



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu