Quartieri Spagnoli e Ponticelli in festa per il rientro dei due eroi delle Olimpiadi

Grande Napoli
Quartieri Spagnoli e Ponticelli in festa per il rientro dei due eroi delle Olimpiadi
Vota questo articolo

Trombe, striscioni, bandiere e coriandoli: napoli accoglie Marco di Costanzo e Alessandro Velotto come due eroi delle Olimpiadi

Le due medaglie di bronzo, quella di Marco Di Costanzo, nato e cresciuto ai Quartieri Spagnoli, e del ragazzo di Ponticelli, Alessandro Velotto, sono il simbolo di una vera e propria riscossa dei quartieri più popolari di Napoli. Grande festa per i due atleti nel giorno del loro rientro a casa da veri e propri eroi.

festa di costanzo

“All’aeroporto ho già trovato qualcuno ad aspettarmi. Da Capodichino siamo arrivati a piazza Trieste e Trento e affacciandomi su via Nardones mi è sembrato di vedere una folla da stadio: aspettavano tutti me, è stato bellissimo”. La festa si è poi spostata in casa Di Costanzo, dove i parenti attendevano l’atleta con bottiglie di spumante e una torta raffigurante la bandiera brasiliana. Un momento emozionante che Marco ha postato sul proprio profilo Facebook.

festa di costanzo3

 

“Una medaglia alle Olimpiadi non è una cosa di tutti i giorni, ricevere l’affetto di parenti e amici mi ha riempito il cuore di gioia”. Il più emozionato era papà Rosario, che ha ricordato come il figlio da bambino volesse sempre vincere, “anche a Playstation”. Marco ha iniziato a remare col fratello Fabio: “È nato testardo e questo l’ha aiutato anche nel canottaggio, gli piaceva il calcio ma alla fine ha vinto l’amore per questo sport”.

festa di costanzo2

 

Festa grande anche a Ponticelli per il ritorno a casa di Alessandro Velotto, medaglia di bronzo col Settebello nella pallanuoto: “Sono felice, parenti e amici hanno organizzato una accoglienza super – dice il difensore della Canottieri – Ho rivisto persone che non vedevo da tempo, è stato bello e mi ha ripagato dei sacrifici fatti per vincere la medaglia”. Il Settebello ha iniziato gli allenamenti il 2 giugno, “Durissimi. Ma le Olimpiadi sono qualcosa di diverso da tutte le altre competizioni”.

 

Fonte Repubblica Napoli



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu