Napoli batte tutte le città d’Italia, è la regina della sfida di Natale!

Nalbero è ufficialmente una struttura da guinness, una vera attrazione per turisti e napoletani, Napoli vince quindi la “sfida del Natale” contro le altre città Italiane.

A Napoli sappiamo come farci notare, non c’è che dire. Per questo Natale, infatti  grazie  alla realizzazione di Nalbero , opera di Pasquale Aumenta,una struttura alta 40 metri che al suo interno ospita gallerie commerciali, luci ed esposizioni varie, ci siamo proprio superati. La città già invasa dai turisti per le sue numerose e bellezze, può vantarne ancora un’altra, questa volta simbolo dell’arte moderna che sta veramente appassionando non solo i turisti ma gli stessi napoletani che non vedono l’ora di salirci per vedere una vista  da mozzare il fiato.

Nalbero ,può essere definita proprio come una vera e propria opera da guinness dei primati, che resterà ad incantare il lungomare napoletano per tutto il periodo delle feste.

La sfida di Natale

Napoli dunque primeggia sulle altre città italiane, vincendo “la sfida di Natale” che si combatte a suon di luminarie e attrazioni a tema. Se Milano propone una visione del Natale hi-tech, decisamente moderna e futurista, molte città si orientano su altri aspetti per la valorizzazione delle strade nei periodi di festa,  per esempio, Genova quest’anno ha puntato su una ruota panoramica,Firenze  risponde con i classici mega alberi in piazza del  Duomo e in piazza della Signoria, Bologna propone un Natale più misurato rispetto a quello degli anni precedenti, a Torino, come a Salerno regnano   le loro “Luci d’Artista” che hanno reso famose queste città in tutto il mondo.

In coda troviamo Palermo, Roma, Bari,  che invece propongono decisamente un Natale sotto tono che non riesce ad eguagliare la particolarità delle altre città Italiane.

Insomma Napoli conquista un importante podio, un podio alto 40 metri dal quale è possibile godersi una vista che non ha rivali.

 



Comments to Napoli batte tutte le città d’Italia, è la regina della sfida di Natale!

  • se qualche malfidente aveva ancora dubbi queste ultime rilevazioni statistiche confermanoil primato della nostra bellissima città che riesce ad offrire ai turisti italiani e stranieri quello chenessuna altra città offre: clima mite,allegria in ogni strada, panorami incantevoli e,poi, cultura, cultura, cultura. Non è più vero che chi viene Napoli piange due volte: chi viene a Napoli piange una volta sola “””quando va via”””perchè lascia quello che non troveràin nessuna altra parte. Grazie

    ottavio amodio 11 dicembre 2016 15:56 Rispondi
  • In tutta sincerità devo dire che nalbero, visto spento, di giorno e da vicino, risulta essere una vera pacchianata. Inoltre costosissima. Di chi l’idea?

    maria 13 dicembre 2016 16:25 Rispondi
    • N’Albero è stato a realizzato a costo zero per il Comune, è interamente finanziato e costruito da privati.

      Valentina Cosentino Valentina Cosentino 13 dicembre 2016 20:45 Rispondi
    • ANCHE LA TORRE eIFFEL DI PARIGI E’ UNA MOSTRUOSITà ARCHITETTONICA COME UNA MOSTRUOSITA’E’ LA PIRAMIDE DAVANTI AL LOUVRE, SEMPRE A PARIGI.MA I FRANCESI RIESCONOA NONESSERE PROVINCIALI COME UNA PARTE DEI NAPOLETANI CHE NON RIESCONO ADAPPREZZARE NULLA DI QUELLO CHE SI FA A NAPOLI. AMMIRARE IL GOLFO DA 40 METRI DI ALTEZZA E’ UNO SPETTACOLO INCANTEVOLE E INDIMENTICABILE, CON LA COLLINA DI POSILLIPO A DESTRA E IL VESUVIO A SINISTRA. SE I GIUDIZI SI ESPRIMONO PER PARTITO PRESO LASCIANO IL TEMPO CHE TROVANO. BEN VENGANO QUESTE INIZIATIVE CHE, COMUNQUE, PORTANO LA CITTA’ ALL’ATTENZIONE DEL MONDO E LA FANNOUSCIRE DA UN PROVINCIALISMO CHE LE HA FATTO SOLO DEL MALE. GRAZIE

      ottavio amodio 15 dicembre 2016 19:16 Rispondi
      • La piramide di I.M. Pei una mostruosità? Tu evidentemente non sai di cosa parli e farlo in maiuscolo non servirà a rafforzare le tue ‘bizzarre’ idee.

        Alessandro Cioffi 16 dicembre 2016 9:03 Rispondi
  • Napoli è meravigliosa e una scoperta continua l’albergo è fantastico non o mai visto niente di simile bravi a tutti quelli che hanno reso possibile questa meraviglia grazie Napoli ti amo

    Filomena mascitelli 13 dicembre 2016 22:04 Rispondi
  • Sono napoletano ed amo questa città da morire. Sono appassionato d’Arte, ho girato il mondo per lavoro e non esiste al mondo, come a Napoli, una città dove ci sono testimonianze qualificate di tutte le Età Storiche, dal Preromanico Greco, all’età Imperiale, dal Gotico al Romanico, dal Barocco al Liberty etc… tutte ai massimi livelli.
    Ma chi dice della valenza artistica di quella ..ciofeca fatta di tubi tipo Innocenti o lo fa perché ha interesse a sostenerlo o non può essere un napoletano.
    Il napoletano, secondo il noto andante, può essere ignorante, volgare, casinista: ma non è stupido!
    Nell’epoca delle FFF (festa, farina, forca) le Macchine da Festa per il popolo erano realizzate dai migliori architetti e scenografi dell’epoca ; NALBERO è una impalcatura da cantiere……….
    Allora, se veramente vuol fare gli interessi turistici di Napoli, lasci perdere NALBERO, perché il ridicolo è dietro l’angolo.

    Domenico 1 gennaio 2017 22:13 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu