Meraviglie dell’uomo e della natura nella Grotta di San Michele Arcangelo

Vota questo articolo

La grotta di San Michele Arcangelo nel comune di Olevano sul Tusciano conserva le testimonianze di un culto antichissimo.

Sul versante occidentale del Monte Raione, nel comune di Olevano sul Tusciano in provincia di Salerno, grazie ad un’attività millenaria delle acque, si sono formati lungo le pareti rocciose dei profondi antri di suggestiva bellezza. L’erosione ha scavato naturalmente la pietra dando vita alla grotta dedicata al culto di S. Michele Arcangelo, inserita dal Word Monument Funds in una classifica dei 100 siti più significativi al mondo da tutelare e salvaguardare.

L’interno è lavorato proprio come se fosse una struttura architettonica con sei cappelle. Le pareti sono decorate con pitture murali dei monaci orientali in pellegrinaggio da Gerusalemme intorno al IX sec., realizzata da una raffinata tecnica di lavorazione bizantina, resa ancor più difficile per la ridotta luce, la superficie non omogenea e l’umidità. Nascosto tra i massi, un prolungamento della grotta conduce nell’antro di Nardantuono, chiamato ‘brigante’, perché luogo scelto dai briganti per le loro fughe durante il Risorgimento. Qui lo spazio si presenta ampio e in alcuni tratti angusto, con stalattiti e stalagmiti che riempiono l’ambiente. Debolmente si intravede una luce cerulea, che dirige attraverso tre archi su un ampia sala divisa in due da uno sperone roccioso.

Ed è luce, all’orizzonte il panorama di Eboli abbraccia lo sguardo del visitatore.
“…..Sanctum Angelum, qui situm est in Monte qui Aureus dicitur…..”

L’ingresso della cavità è situato su un costone calcareo del monte, posto a ridosso del fiume Tusciano. Il sentiero per raggiungerla inizia dalla frazione di Salitto, si percorre in circa 20 minuti e risulta piuttosto agwevole, consigliate scarpe da trekking.

Per saperne di più: http://www.olevano.it/tuttopaese/beniculturali/grotta.htm

La foto di copertina è di Francesco Raffaele

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Caricando...
Menu