Influenza: 140mila ammalati in una settimana, ma il picco deve ancora arrivare

Grande Napoli

La Campania è tra le regioni in cui il virus si è diffuso maggiormente

La fine del 2016 verrà ricordata anche per casi record di ammalati di influenza in Italia, solo nella scorsa settimana (5-11 dicembre) sono stati 142 mila i casi di influenza stimati. La Campania è sicuramente tra le regioni più colpite dal virus, moltissime le persone costrette ad un natale a letto con la febbre. Si parla di un totale di circa 611 mila italiani messi a letto dall’inizio del mese di dicembre. Il livello di incidenza in Italia è pari a 2,34 casi per mille assistiti.

Questi i dati della rete Influnet dell’Istituto superiore di sanità, che sottolinea «l’intensificarsi dell’attività dei virus influenzali sebbene l’incidenza raggiunta sia sotto la soglia epidemica». La fascia di età maggiormente colpita è quella dei bambini al di sotto dei 5 anni, in cui si osserva un’incidenza pari a circa 5,86 casi per mille assistiti. Piemonte, Emilia-Romagna, Marche, Lazio e Campania, le regioni che registrano una maggiore attività virale.

I sintomi dell’influenza in atto sono i più comuni: febbre sopra i 38 gradi, mal di testa, dolori articolari, malessere, mal di gola, tosse e infezioni alle vie respiratorie sono i più comuni. Per questo inverno, il picco influenzale è previsto tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio, con un rallentamento nel periodo delle festività natalizie dovuto alla chiusura delle scuole e al rallentamento del contagio soprattutto tra i più piccoli.

Fonte Il Mattino


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu