I te vurria vasa’ , una poesia del novecento

Grande Napoli
I te vurria vasa’ , una poesia del novecento
Vota questo articolo

I’ te vurria vasa’“ è una delle più belle canzoni d’amore della storia della musica napoletana, scritta nel 1900 da Vincenzo Russo ed Edoardo Di Capua, il celebre autore di O’ sole mio.

Questa canzone come tante altre è stata una dei pilastri portanti della unicità  della grandezza della musica napoletana, anche se non ebbe immediato successo, infatti fu presentata al concorso “La tavola rotonda” arrivando solo seconda.

La canzone non poteva nascere che nella Napoli novecentesca, dove la realtà  era fantasia, la povertà  filosofia, il dialetto poesia, il frastuono musica. Non poteva avere che cantori istintivi, sensibili, appassionati, innamorati. La poesia, a Napoli, era espressione corrente, dialogante; la musica coinvolgente, perchè nasceva da una tradizione colta, quindi matura, come dall’immediatezza istintiva popolare.

Come sempre riproponiamo dei video di you tube, buona visione.

Questa versione di Mango rivela l’assoluta modernità  del brano che vola su un arrangiamento scarno di soli archi e la seconda parte del pezzo quasi etnica.

 

Un’autentica acrobazia canora: Big Luciano e Piero Pelù in un duetto imperdibile.

 

Gran bel duetto Giorgia e Finizio.

 

Versione originale napoletana

Ah! Che bell’aria fresca…

Ch’addore ‘e malvarosa…

E tu durmenno staje,

‘ncopp’a sti ffronne ‘e rosa!

‘O sole, a poco a poco,

pe’ stu ciardino sponta…

‘o viento passa e vasa

stu ricciulillo ‘nfronte!

I’ te vurrà­a vasà¡…

I’ te vurrà­a vasà¡…

ma ‘o core nun mm”o ddice

‘e te scetà¡…

‘e te scetà¡!…

I’ mme vurrà­a addurmà­…

I’ mme vurrà­a addurmà­…

vicino à´ sciato tujo,

n’ora pur’i’…

n’ora pur’i’!…

Tu duorme oje Rosa mia…

e duorme a suonno chino,

mentr’io guardo, ‘ncantato,

stu musso curallino…

E chesti ccarne fresche,

e chesti ttrezze nere,

mme mettono, ‘int”o core,

mille male penziere!

I’ te vurrà­a vasà¡…

……………………….

Sento stu core tujo

ca sbatte comm’a ll’onne!

Durmenno, angelo mio,

chisà  tu a chi te suonne…

‘A gelusia turmenta

stu core mio malato:

Te suonne a me?…Dimmèllo!

O pure suonne a n’ato?

I’ te vurrà­a vasà¡…

Â

Versione Italiana

Io vorrei baciarti

Ah! che bell’aria fresca

che odore di malvarosa.

E tu stai dormendo

sopra queste foglie di rosa.

Il sole a poco a poco

spunta per questo giardino;

il vento passa e bacia

questo ricciolo sulla fronte.

Io vorrei baciarti…

Ma non ho il coraggio

di svegliarti.

Io vorrei addormentarmi

vicino al tuo fiato

anch’ io per un’ora!

Tu dormi, o Rosa mia?

E dormi profondamente;

mentre io guardo incantato

questa bocca corallina.

E queste carni fresche,

e queste trecce nere,

mi mettono nel cuore

mille cattivi pensieri.

Io vorrei baciarti…

Ma non ho il coraggio

di svegliarti.

Io vorrei addormentarmi

vicino al tuo fiato

anch’ io per un’ora!

Sento il tuo cuore

che sbatte come le onde.

Dormendo , angelo mio,

chi sa a chi sogni!

La gelosia tormenta

questo mio cuore malato;

mi sogni? Dimmelo…

Oppure sogni un altro?

Io vorrei baciarti…



Comments to I te vurria vasa’ , una poesia del novecento

  • Ciao. Ti segnalo che la versione di Mango non ਠvisibile perchè l’account YouTube appartenente a chi ha caricato il video da voi embeddato ਠstato cancellato..

    canebuono 26 dicembre 2010 21:51 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu