I pastori del presepe napoletano: Benino, il pastore dormiente

Angela Annibale
I pastori del presepe napoletano: Benino, il pastore dormiente
4 (80%) 2 votes

Tutti i pastori del presepe napoletano hanno un preciso significato simbolico e contribuiscono a rendere il racconto del Natale unico e speciale: questo è Benino.

Benino è il pastorello immerso nel sonno che si trova proprio all’inizio del percorso presepiale. Collocato nel punto più alto, lontano dalla Grotta della Natività, è il pastore disteso in prossimità di un albero,  che gli fa ombra,  è disteso su un giaciglio d’erba, con la testa poggiata su di un sasso e contornato da pecorelle bianche nell’atto di pascolare.
Benino anche detto Benito, probabilmente questa storpiatura deriva dal periodo fascista, ma il nome originale è Benino, nome che ricorre anche nella celebre Cantata dei Pastori, è un personaggio di grande importanza nella simbologia del presepe Napoletano in stile ‘700, così come tutti  i pastori, presenti  hanno un ruolo e una collocazione ben precisa, nulla è infatti lasciato al caso. Tutti aspettano la nascita del Gesù bambino chi lo fa in modo attivo come il pastore della meraviglia, chi in modo passivo, chi addirittura dormendo.

La Leggenda di Benino

Intorno a Benino ruota una leggenda poco conosciuta, quella in cui il presepe non è altro che il sogno stesso di questo personaggio dormiente.
La leggenda vuole infatti che  il presepe appartenga al sogno di Benino e per questo è importante che nessuno lo svegli, altrimenti tutta la magia scomparirebbe immediatamente.
Si intuisce  la simbologia del sonno come un viaggio eccezionale, un viaggio verso la Grotta della Natività, il risveglio invece è rivolto a rappresentare il moto della rinascita dell’uomo e  con essa la vicinanza con Dio. Proprio come ricordano le Sacre Scritture ”E  gli angeli diedero l’annunzio ai pastori dormienti”, Benino ha il compito di annunciare una rinascita, ovvero la rivelazione di Cristo a l’intera umanità.
Ogni anno il sonno di Benino riproduce e fa rivivere la magia del presepe. Quindi affinché esso non svanisca per sempre nessuno svegli Benino!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Angela Annibale

Sociologa e comunicatrice, appassionata di libri soprattutto dei classici, con la passione della scrittura ama scrivere di tradizioni, cultura ma anche di moda e intrattenimento e con un piccolo sogno nel cassetto quello di scrivere un giorno un libro tutto suo.

Caricando...
Menu