Chiude il cinema Arcobaleno: un pezzo di storia del Vomero

chiusura-cinema-arcobaleno
Grande Napoli
Chiude il cinema Arcobaleno: un pezzo di storia del Vomero
Vota questo articolo

Ha rappresentato per 60 anni l’allegria e la spensieratezza dei pomeriggi e delle sere di giovani ed adulti della collina vomerese (e  non solo), con la passione per il cinema e per il grande schermo. La chiusura del cinema Arcobaleno lascia tutti senza parole, proprio come quella del cinema Adriano a via Monteoliveto, avvenuta già svariati anni fa.

Un pezzo di storia della città di Napoli chiuderà i battenti domenica, con un’ultima proiezione, che ha il sapore di un malinconico addio Hollywoodiano.
Chiude il cinema Arcobaleno, che ha rappresentato uno svago, un punto di ritrovo, un luogo di emozioni per tantissime persone; un cinema “vecchietto” che non riesce a tenere il passo dei più giovani ed aitanti cinema multisala più spaziosi sicuramente, ma che non hanno lo stesso fascino e la stessa magia dei piccoli cinema di quartiere.

Il problema principale di questa forzata chiusura è da cercare proprio nella direzione del cinema; pare che piuttosto che investire e ampliare il cinema abbiano preferito vendere la struttura e chiudere i battenti.
Già da circa un anno su via Consalvo Carelli c’era un via vai di persone in giacca ed operai che misuravano, chiacchieravano e monitoravano; si pensava fossero solo gli architetti e i nuovi investitori accorsi per l’ampliamento da 4 a 5 sale, ed invece erano i futuri nuovi proprietari.
Anche per i 4 dipendenti del cinema è stata una doccia fredda;  non si aspettavano assolutamente della chiusura e la loro disperazione per l’avvenire è comprensibile.



Comments to Chiude il cinema Arcobaleno: un pezzo di storia del Vomero

  • Napoli: diciamo NO all’ennesima chiusura di una sala cinematografica nel quartiere Vomero
    Partecipate all’evento al link: https://www.facebook.com/events/668979313154879

    Gennaro Capodanno 25 gennaio 2014 2:10 Rispondi
  • Sono letteralmente rimasta di stucco! Nel cuore del Vomero offrire ai giovani la possibilità di stare insieme, non per bere o per “fumare”, ma per divertirsi in modo sano, magari riuscendo anche a riflettere un po’ con film di spessore, mi rendeva contenta. Stiamo creando ragazzi che nel fine settimana si abrutiscono in tutti i modi ed è responsabilità di noi adulti il deserto culturale in cui si smarriscono…

    Lea Milanesi 26 gennaio 2014 15:48 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu