Le aree balneabili di Napoli 2015

gaiola aree balneabili

Il mare, uno dei motivi per cui vivere a Napoli. Negli anni però l’inquinamento ha reso impossibile la balneazione in determinate aree della città, un tempo incontaminate. Per questo il Comune di Napoli ha deciso di effettuare degli esami al fine accertare quali sono i posti della città dove è possibile fare delle nuotate o comunque bagnarsi, senza correre rischi per la salute.

Dove fare il bagno

Nella parte centrale della città ci sono delle aree idonee alla balneazione, quelle comprese tra Posillipo e il lungomare.  Il sito istituzionale del Comune di Napoli riporta anche altre zone della città dove è possibile trascorrere una giornata al mare:

  • Largo Nazario Sauro
  • La spiaggia della Colonna spezzata
  • La rotonda Diaz
  • Marechiaro
  • la spiaggia della Gaiola
  • Riva fiorita
  • il lido Marina di Bagnoli

Dove non fare il bagno

Tra le aree non balneabili c’è San Giovanni a Teduccio, più precisamente la porzione di mare compresa tra gli ex Cantieri Partenope e Sannicandro.

Inoltre, il Comune ha bandito l’accesso dei bagnanti al mare su cui affaccia il Museo di Pietrarsa per il quale il Comune di Napoli ha segnalato il divieto di balneazione. Altre aree in cui vige il divieto, anche se per motivi diversi dall’inquinamento, sono:

  • L’isola di Nisida
  • L’area protetta della Gaiola
  • Il porto di piazza Nazario Sauro
  • L’area portuale di Mergellina


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu