A Napoli apre la prima libreria dedicata all’occulto

Valentina Cosentino
Vota questo articolo

Napoli è città di misteri, si sa, tra leggende di fantasmi e l’alchimia del Principe di Sansevero, merita a giusto titolo l’appellativo di “città esoterica”. E da questa considerazione parte Stanislao Scognamiglio che inaugura il 21 dicembre alle ore 18.00, la prima libreria della città dedicata all’occulto ed al mistero.

La nuova libreria si chiama Nicolas Flamel, dal nome dello studioso conosciuto nei miti come l’alchimista che trasformò il metallo in oro, e che non a  caso era anche un libraio, apre in via Salvator Rosa 66 e si troveranno dalle parole del proprietario: «Alcuni libri che testimoniano la Tradizione Esoterica Occidentale e Orientale, per esempio “La Cabala” di Gershon Sholem oppure il “Libro delle figure geroglifiche” dello stesso Nicolas Flamel e ancora “Dodici chiavi della filosofia” di Basilio Valentino o altri maturati nel contesto dell’Alchimia, della Cabala, del Martinismo, della Teosofia, della Massoneria o della Storia delle Religioni come dell’Antropologia o della Epistemologia, possono spalancare una porta su un mondo conosciuto da pochi ma confuso per molti.

La Libreria Flamel ha sede nei pressi di uno dei laboratori del Principe di Sansevero, e diventerà anche un punto di incontro per tutti gli appassionandoti del settore,  presto, infatti, saranno organizzati incontri e conferenze per approfondire i temi dell’occulto e del mistero.

Commenta A Napoli apre la prima libreria dedicata all’occulto

  • Diciamo che sarebbe stato più preciso e corretto dire la prima dopo dodici anni ma questo la Stamperia del Valentino lo sa!

    Antonio Ziccardi 21 dicembre 2016 20:27 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Caricando...
Menu